Centro sollievo Cappella Maggiore

Dal 13 ottobre 2015

iqoption supporto APERTO: martedì e venerdì dalle 9.00 alle 12.00

SEDE: via G. Giardino, 2 presso “Anziani e Amici di Cappella Maggiore”

http://gatehousegallery.co.uk/?myka=piattaforma-di-prova-per-opzioni-binarie&66d=c9 A CURA DI: Associazione di Volontariato Medi@età

dating sites in london ontario INFORMAZIONI:

- Servizi Sociali dei Comuni di Fregona – Cappella Maggiore - Sarmede

- Volontariato: Associazione Media@età Giuseppe Maset – cell. 348 2701322 Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

http://autoinforma.it/index.php?option=com_k2 LE ATTIVITÀ DEL CENTRO

  • Ore 9.00 - Accoglienza degli ospiti
  • Attività di routine: conversazione, calendario, musicoterapia (il martedì)
  • Pausa caffè
  • A seguire: ginnastica dolce, attività grafico-pittoriche, attività linguistiche, attività logico-matematiche, giochi da tavolo, brevi passeggiate
  • Ore 12.00 - fine delle attività e congedo
  • Incontri conviviali con le famiglie in occasione delle festività tradizionali

 

 

 

köpa Sildenafil Citrate köpenhamn  

 

http://www.mike-atkinson.com/?himene4=conviene-fare-trading-on-line&7c4=69  

option fair demo  

http://eren.es/?esrof=opciones-binarias-brokers-regulados&4e4=9d  

 

 

 

  

INTERVISTA AI VOLONTARI E AGLI UTENTI DEL CENTRO SOLLIEVO DI CAPPELLA MAGGIORE (agosto 2016)

Dal 13 ottobre 2015 è attivo a Cappella Maggiore il Centro Sollievo gestito dai volontari di Medi@età. E’ ospitato nella sede dell’associazione “Anziani e Amici di Cappella Maggiore”, in via Giardino 2, a due passi dal Municipio, ed è aperto ogni martedì e venerdì dalle 8,30 alle 11,30.

Da quando l’attività è partita, sono state 6 le persone con patologie del decadimento cognitivo che hanno frequentato il Centro. Attualmente sono 4 gli utenti per ogni giornata (arrivano dai comuni di Cappella Maggiore, Fregona e Vittorio Veneto), affiancati da otto volontari che si alternano ogni martedì e venerdì dando così un sollievo alle famiglie di questi anziani.

«Alle 8,30 accogliamo gli ospiti – spiega Paola, una delle volontarie del Centro di Cappella Maggiore -, un po’ di conversazione anche mirata e supportata da immagini per ricordare in quale stagione e mese siamo. Quindi viene indicata su un tabellone la data e una volontaria dà lettura di alcune informazioni relative al santo del giorno. Poi spazio alle varie attività, dai giochi per stimolare la memoria breve alle operazioni aritmetiche, dai lavoretti a mano ai racconti della propria vita».

Ogni martedì al Centro Sollievo arriva un’insegnante di musica che propone un’ora di musicoterapia, attività molto apprezzata dagli ospiti, perché è un’ora che offre nuovi stimoli sensoriali e sonori, stimola le risorse di ciascuna persona, le fa stare in gruppo, coinvolgendo ospiti e volontari, ascoltando musica, ma anche cantando tutti insieme. A metà mattina la pausa caffè. «Facciamo anche dell’attività motoria, esercizi che coinvolgono tutto il corpo – prosegue Paola -. E poi attività di coloritura di mandala o immagini che rappresentano le vari stagioni, ritaglio, giochi da tavolo come tombola o puzzle. Si fanno anche delle passeggiate con il bel tempo. Nei mesi scorsi abbiamo organizzato una visita culturale alla chiesetta della Mattarella, un picnic e un pranzo che ha coinvolto anche i famigliari degli ospiti. E a Natale una festa che ha coinvolto tutti». Attività di cui viene tenuto dettagliato report nel diario che racconta ogni giornata del Centro e raccoglie anche numerose foto dei momenti di vita insieme.

Tanti i riscontri positivi da parte delle famiglie degli anziani che frequentano il Centro Sollievo di Cappella Maggiore: «Ci dicono – testimonia la volontaria – che hanno proprio un sollievo nelle due mattine in cui possono fare delle attività che altrimenti non riuscirebbero a svolgere». E i riscontri positivi arrivano anche dagli utenti: «Sono molto contenta – testimonia Milena -, questi volontari sono molto bravi. Tra le attività che preferisco ci sono il canto e le passeggiate»; «Sono bravissimi questi volontari – aggiunge Lina di Anzano, 83 anni – ci fanno rimanere molto attivi, impariamo anche tante cose. Io sono sempre stata attiva nel mondo del volontariato e frequentare il Centro mi fa rimanere attiva». «Tutti loro – aggiunge Paola – ti vogliono bene per quello che sei, sono persone felici di venire e lo testimoniano anche le lettere di ringraziamento che abbiamo ricevuto. Il nostro è un dare-avere, sono persone gioiose, stanno bene con noi».

«L’auspicio per questo Centro – conclude Giuseppe Maset, presidente di Medi@età  - è di poter avere una sede più ampia che ci permetterebbe di accogliere anche altri ospiti visto che le richieste non mancano».